Toolbox
Carrello Download (0)
Indice prodotti
450x280_News_Villa Klimt_IMG3764

La villa KLIMT a Vienna

 

Proprio al sopraggiungere dell’autunno e quindi verso la fine dell’”anno di Klimt” la città di Vienna ha inaugurato l’apertura di questo gioiello di architettura denominato “Villa Klimt”. Gustav Klimt (1862-1918), uno dei più grandi pittori del mondo e rappresentante del famoso stile Liberty viennese, viene quest’anno celebrato nella città di Vienna, in occasione del 150° Anniversario della sua nascita, con il motto "Gustav Klimt e la nascita del Modernismo a Vienna". I dipinti di Klimt sono divenuti famosi nel mondo guadagnando un prestigioso status e una posizione tale da essere oggetto di scambi internazionali a prezzi elevatissimi. Ma il Klimt pittore dove è artisticamente maturato? La Villa Klimt a Vienna è stata lo Studio dell’artista dalla fine del 1911 fino alla sua morte nel 1918: si scrive che nell'attuale Feldmühlgasse, 11 Klimt avesse affittato questa casa estiva in cui ha "lottato" fino alla fine con le sue opere. All’interno della villa, dal mese di ottobre di quest’anno, è stata aperta una mostra permanente unica nel suo genere.

L’ultimo Studio di Gustav Klimt - ritrovato, restaurato e aperto
L’ultimo Studio di Gustav Klimt, ritrovato e restaurato, è stato aperto ufficialmente al pubblico da parte della Fondazione Klimt di Vienna in occasione della “giornata del Patrimonio”; in quell’occasione all’esterno dell’edificio in stile barocco si sono formate lunghe code di turisti interessati a ripercorrere gli spazi interni riaperti al pubblico e utilizzati per l’occasione come mostra commemorativa.

Storia dell’architettura dell’edificio
"L’edificio ristrutturato in questa forma non è mai stato visto dallo stesso Klimt", dice l’Ing. Schreiber, Direttore del restauro, riferendosi al piccolo edificio, che fa parte dello Studiogiardino, luogo di creazione artistica di Gustav Klimt. Un’attenta valutazione delle fonti storiche disponibili e i risultati di una dettagliata analisi diagnostica hanno fatto da base alla realizzazione del restauro che s’ispira a un periodo precedente all’ultimo utilizzo, ovvero alla riscoperta di questo monolocale in giardino utilizzata da Gustav Klimt come uno spazio studio dal 1911 al 1915 (ovvero fino alla sua morte). Sorprendentemente, seppur diverso, lo studio non è sostanzialmente cambiato in maniera così significativa; sicuramente i colori utilizzati per il restauro si riferiscono a un periodo precedente all’utilizzo dell’artista. La sfida che si è voluto affrontare nel restauro, oltre che per l’importanzastorica che Klimt ha dato all’edificio, è di ridare vita a un complesso edificio che si colloca nel neo barocco. Degno di nota è anche il piccolo bagno recuperato all’interno della soffitta, bagno che dimostra come Klimt vivesse in maniera molto modesta ed essenziale e che con tutta probabilità veniva anche utilizzato come lavabo dalle sue modelle nella posa dei nudi.

Restauro e ripristino
Nella fase di restauro si è prestata grande attenzione nella suddivisione delle due fasi che hanno contraddistinto l’edificio, ovvero la caratterizzazione data dall’utilizzo dello stesso da parte di Gustav Klimt e l’attenzione verso la struttura dell’edificio neo barocco precedente all’utilizzo da parte dell’artista, struttura che si è potuta riscoprire mediante uno studio della documentazione fotografica disponibile. Un’imponente scalinata nel giardino principale porta al primo piano, dove le stanze si presentano in tutta la loro bellezza originale e a oggi, potranno essere utilizzate come spazi funzionali.

L’utilizzo dei prodotti RÖFIX nel restauro
L’attenta analisi diagnostica della stratigrafia delle pareti ha evidenziato che i vecchi intonaci risultavano, sia per l’esterno che per l’interno, costituiti da calce e lavorati con una particolare tecnica di spazzolatura. All’interno, alcune parti si presentavano con delle intonacature a base gesso in uno stato di degrado avanzato che evidenziava delle importanti fessurazioni. In accordo con l’Ufficio Monumentale locale si è deciso di utilizzare per l’esecuzione del restauro, sia per l’interno che per l’esterno, degli intonaci a base di calce idraulica naturale scelti in base alla compatibilità con il sottofondo per lo più costituito in pietra. La superficie esterna è stata finita con una finitura a base calce idraulica naturale lavorata con una tecnica di spatolato tipica delle Ville neobarocche viennesi. La combinazione delle pitture finali è stata realizzata con l’utilizzo di pittura ai silicati.

Facts Klimt-Villa Wien:
Commitente: Burghauptmannschaft Austria
Architetto: Prof. Eduard Neversal, Vienna
Memorial Nursing: Dipl.-Ing. Oliver L. Schreiber, Tutela Beni artistici, Soprintendenza Vienna
Impresa generale: Dipl.-Ing. Mörtinger & Co.GmbH, Vienna
Operatore attuale: Fondazione dell’Arte Pedagogica e della guarigione, Vienna
Investimento: ca. 2 milioni di euro
Superficie totale: ca. 1.000 m²
Periodo del restauro: 2010-2012
www.klimtvilla.at

Prodotti RÖFIX impiegati:
Interni:
RÖFIX Pretrattante a base di allumina acetica in dispersione argillosa
RÖFIX 675 Malta da rinzaffo base calce idraulica naturale
RÖFIX CalceClima Ambiente Intonaco a base calce idraulica naturale NHL5
RÖFIX 350 Lisciatura alla calce
RÖFIX PI 233 ÖKOSIL Pittura ai silicati per interni
 
Esterni:
RÖFIX Pretrattante a base di allumina acetica in dispersione argillosa
RÖFIX 695 Intonaco a mano per restauro a base calce idraulica naturale NHL5
RÖFIX 697 Componibile Intonaco di fondo per restauri – mescolato con RÖFIX Grassello di calce staggionato min. 3 mesi
RÖFIX 380 Stabilitura a base di calce idraulica naturale NHL5
RÖFIX PE 225 RENO 1K Pittura ai silicati per esterni

Villa Klimt_IMG3754

Villa Klimt_IMG3758

Villa Klimt_IMG3759

Villa Klimt_IMG3750

Villa Klimt_IMG3756

Villa Klimt_IMG5467